L’Amicizia al Maschile, ovvero la Lotta del Corpo – Parte 1

Rispondendo a un commento di Marco allo scritto sulla Narrazione ho fatto riferimento all’amicizia fra Gilgamesh ed Enkidu, come archetipo dell’amicizia al maschile. Come molte fraterne amicizie maschili nasce con un conflitto e con una lotta, incontro e reciproco riconoscimento. Questo incontro avviene nella foresta: Enkidu, l’uomo selvaggio, di forza pari a quella dell’eroe, diventerà, dopo una lotta estenuante, il suo fido compagno. Emergono così i primi elementi importanti di una forte Amicizia al Maschile: la reciprocità e il riconoscimento delle altrui doti; potremmo arrivare addirittura a dire che l’amico va, in qualche modo, temuto e rispettato, poiché se ne riconoscono la potenza e le capacità. La piena sottomissione non fa mai parte di una vera amicizia, e la fase della lotta è propedeutica alla definizione del confine, del limite secondo il quale la sottomissione appunto non avverrà mai.

Enkidu viene creato dal dio An, sovrano del firmamento, il quale accoglie la supplica dei sudditi di Uruk, vessati dal loro sovrano Gilgamesh, e lo plasma affinché si contrapponga a lui. Dopo una lotta furibonda, vista l’equivalenza delle forze in campo, i due cessano le ostilità e divengono amici fraterni, pronti ad affrontare e condividere una serie incredibile di avventure e sfide, prima fra tutte la spedizione nella foresta dei cedri dove incontrano il mostro Khubaba, posto a guardia della foresta dal signore degli dei, Enlil. Sconfiggono il mostro e fanno incetta di legname. La partenza insieme all’amico Enkidu vuole manifestare la propria forza, il potere e il rango; questo si manifesta anche nella cerimonia solenne che ratifica l’inizio del viaggio e il valore di chi lo sta per compiere, e ha implicito in sé il ritorno, volto a celebrare in maniera ancora più entusiasmante il valore dell’eroe. Nella partenza sono già insite la scrittura e la narrazione che Gilgamesh farà alla fine del suo peregrinare incidendo sulla pietra le sue gesta, sancendo così anche il valore della relazione e della nuova identità raggiunta.

Gilgamesh ha bisogno di incontrare la sua parte complementare, di lottare con lei e al termine della lotta di stringere un forte legame di cooperazione al fine di mettersi in cammino per il suo destino. Se lasciamo spazio a una sola caratteristica della nostra complessa struttura psicologica ed emotiva rischiamo di divenire ‘unilaterali’ e di perderci in un aspetto particolare del nostro essere, senza riuscire a dare voce a tutte quelle che ci compongono. Un incontro, un amico, un’esperienza spesso, oltre a essere eventi in sé formativi, ci permettono di entrare in contatto anche con parti nostre, a volte negate o solamente meno conosciute. Lo spavento, la sorpresa, la delusione e la meraviglia spesso ci accompagnano in questo processo di conoscenza; una forte relazione è un sostegno fondamentale in questo percorso interiore e relazionale.

Il rapporto con Enkidu è capace di mettere in discussione la figura di Gilgamesh nella sua interezza, facendolo entrare in contatto con parti di se stesso fino a quel punto sconosciute, e forse inibite; questo Gilgamesh lo coglie ancor di più quando le divinità condannano a morte Enkidu, ritenendo oltraggioso e pericoloso il livello di potere e potenza che il duo sta raggiungendo. Nell’eroe prende corpo quella parte selvatica così preponderante nell’amico scomparso, a tal punto da essere paragonato a “una leonessa che piange i suoi cuccioli” (tav. VIII); Gilgamesh, l’eroe forte e sovrastante si definisce “come una donna che geme suo fratello” (tav. VIII).

L’incontro con Sé di Gilgamesh continua ….

Enrico Panigada

Annunci

2 pensieri su “L’Amicizia al Maschile, ovvero la Lotta del Corpo – Parte 1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...