Figli e sessualità

Bentornati a tutti!

Settembre è il momento della ripresa, indipendentemente da ciò che abbiamo fatto durante l’estate, e quindi mi sembra il momento giusto per riprendere il contatto con gli ascoltatori e con i lettori, e per pensare ad un anno pieno di proposte e novità.

In settimana ‘prometto’ di pubblicare date di incontri ed iniziative per questo nuovo anno che ci verrà incontro.

L’argomento di stamattina è un argomento che mi sta particolarmente a cuore…come accompagnamo ed educhiamo i figli alla sessualità?

Un ascoltatore ci scrive: ma perchè ne dobbiamo parlare o dobbiamo educarli? I nostri genitori non l’hanno fatto e tutto funzionava ugualmente.

E’ una domanda interessante; il mondo di oggi è molto differente dal mondo dei nostri geniotori…

Se una volta ogni genitore poteva ispirarsi agli stili educativi che aveva respirato in casa sua, oggi questo non è più possibile. Il mondo negli ultimi anni va ad una velocità molto superiore ad un tempo. Quello che poteva funzionare per i nostri genitori non funziona più per i nostri figli. Pensiamo anche solo alle modalità di comunicazione: il cellulare, i social network, ecc, creano le condizioni per una modalità comunicativa estremamente differente da un incontro sotto casa.

Viviamo nel mondo dell’immagine dove il senso più utilizzato è quello della vista, dove siamo bombardati da colori, luci, tutto corre veloce…e il sesso non può e non deve essere vissuto come si consuma un panino al fast food…ma questo lo dico non perchè io pensi che non si debba fare del ‘sesso leggero’ ma perchè chi ‘consuma’ l’atto sessuale non sà quanto bello si perde.

Allora, se gli stimoli sono cambiati, il mondo si propone in un’altra forma, tutto corre, noi adulti abbiamo il dovere di accompagnare i giovani incontro all’età adulta, educandoli.

Il mio invito non è evitare che gli adolescenti entrino in contatto con pubblicazioni o immagini che passano un’idea distorta di cosa sia la sessualità…perchè ricordiamoci che la sessualità è molto di più dell’atto fisiologico. E’ un modo per esprimere amore, anche se è per una sola volta…è il livello più delicato ed intenso della relazione…insomma è molto di più.

Il mio invito è accompagnare i figli…leggere quello che leggono loro e quando ci sembra che quello che guardano non corrisponda alla realtà, parlarne, commentare con loro per fornirgli gli strumenti critici.

Daniele chiede: a che età parlare di sesso con una figlia?

Daniele tieni presente una regola d’oro: noi genitori o educatori dobbiamo dare risposte solo quando si è già formata una domanda. Se tua figlia non accenna ad avere curiosità, vuol dire che non ha ancora bisogno di avere risposte e soprattutto non ha ancora lo strumento per elaborarle. Condivido inoltre il fatto che tu voglia passare serenità per l’argomento, mantenendo discrezione, perchè il sesso è una cosa magica e noi dobbiamo accompagnare i nostri figli a scoprirlo…senza buttarsi via.

A presto e ben ritrovati ….SIlvia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...